Passa ai contenuti principali

La fiera della vanità di William Makepeace Thackeray

Salve a tutti e scusate per la lunga assenza. Purtroppo gli impegni sono troppi e tra studio e vita "normale" è difficile conciliare anche il blog. Le letture sono state poche negli ultimi mesi (ad eccezione dei libri universitari s'intende).
Finalmente sono riuscita a ritagliare qualche momento per me e per voi per parlarvi della mia ultima lettura. Ma bando alla ciance, altrimenti vi annoio!!!

Come potete leggere dal titolo, stasera sono qui per parlarvi di La fiera della vanità di Thackeray, meglio conosciuto semplicemente come Vanity Fair. Di questo libro sono stati scritti fiumi d'inchiostro e i pareri sono stati spesso discordanti, c'è chi lo ama e lo celebra come il miglior capolavoro della letteratura inglese d'età vittoriana e chi lo odia e lo considera un libro prolisso e noioso. In effetti la mole del libro scoraggia un bel po': il libro consta di ben 872 pagine!!!!!!!
Anche io inizialmente ero molto scoraggiata, ma speravo sempre che le cose sarebbero ben presto migliorate. In generale posso dire che come libro non è assolutamente male ma ho apprezzato meglio altri capolavori della letteratura inglese.
 La vicenda ha molti protagonisti, tanto che il sottotitolo dell'opera è "un romanzo senza eroi". In effetti è difficile scovare l'eroe per eccellenza di quest'opera: per qualcuno è Becky, per altri è Amelia, per altri è George Osborne. E' realmente difficile rintracciare il vero eroe della storia, nel marasma totale della società inglese in epoca vittoriana.

La storia comincia con l'uscita da un collegio (che sembra molto più un orfanotrofio) di Amelia Sedley e la sua cara amica Rebecca. E' da qui che parte la lunga vicenda che avrà come perno principale proprio queste due ragazze prima, donne poi. Amelia è una ragazzina bellissima, taciturna e molto educata, Becky è praticamente il suo opposto: non colpisce per la sua bellezza, è povera, impulsiva e non perfettamente educata. E' orfana ed è stata affidata fin da piccolissima a Mrs. Pinkerton, la direttrice del collegio. Amelia torna finalmente a casa e Becky, prima di ottenere il lavoro presso i Crawley, si reca qualche giorno a casa dell'amica prima di ripartire. Lì sfoggerà per la prima volta le proprie armi da seduttrice con il fratello di Amelia, Jos Sedley, ma verrà crudelmente rifiutata da quest'ultimo. La storia è un continuo susseguirsi di peripezie di Becky e della sua alterna fortuna, in alcuni momenti riesce a vivere agiatamente grazie alla fortuna che riesce a procacciare e a mettere da parte, in altri momenti, invece, cadrà di nuovo nella miseria. L'apice della storia coincide con la disfatta di Napoleone nella battaglia di Waterloo. Questa sconfitta "storica" avrà ripercussioni anche sulla vita personale dei nostri protagonisti (non aggiungo oltre per non incorrere in spoiler). La storia di conclude bene, come un classico vittoriano qualunque.


Come tutti i romanzi vittoriani è un romanzo mooolto lungo. Ciò per me è un difetto perchè ho trovato molto difficile la lettura e molto spesso partivo già scoraggiata in partenza per la miriade di pagine da leggere. Il romanzo molto spesso, inoltre, cadeva in pettegolezzi estremamente futili e non interessanti ai fini della storia. Inoltre, lo scrittore interrompe spesso la storia per esprimere il proprio punto di vista o per commentare determinati episodi avvenuti nel romanzo. Alcuni interventi sono utili e simpatici (non dimentichiamo il tipico humour inglese), alcuni sono inutili e noiosi (come dicevo prima). Ultima caratteristica rilevante è l'alternanza degli spazi all'interno del romanzo: si alternano spesso le vite dei personaggi a Londra e nello Hampshire (in periferia). In questo modo Thackeray sottolinea i differenti modi di vivere, i costumi diversi, e anche la diversa morale tra la metropoli londinese e il contado.

Concludendo, consiglierei questo romanzo ai cultori della letteratura inglese. Per chi, come me, non ama leggere romanzi molto lunghi lo sconsiglio perchè ci si potrebbe perdere molto facilmente nei meandri della storia e ci si potrebbe annoiare molto in fretta.
" Quando avviene che due persone di sesso diverso e non sposate abbiano il destro di avviare tra loro una conversazione così delicata, tra loro si stabilisce fatalmente un certo grado di confidenza. "
" Quale squallido e crudele commento alla vanità delle cose terrene! Chi di noi non ne possiede (o non ne ha scritte) da colmarne cassetti interi? Sono cadaveri che teniamo celati, sforzandoci di scordarne l'esistenza. " 
"Senonché una volta mi ignoravano perchè non mi venivano offerte le occasioni valide per farmi valere; ma adesso avranno modo di constatare che so parlare ed agire non bene di quanto sappia scrivere. Achille non si è rivelato per ciò che era fino a quando non gli hanno consentito d'impugnare una spada. io ce l'ho, adesso, questa spada, e il mondo intero sentirà parlare di Pitt Crawley! " 
"Ho già sprecato una quota troppo importante della mia vita in questo gioco".  
Nel 2004 è uscito al cinema anche il film ispirato a quest'opera. Personalmente non l'ho ancora visto ma, appena avrò tempo e occasione, lo recupero e lo vedrò sicuramente. 

Edizione che ho letto 

Voto complessivo: 


E voi avete letto questo libro? Cosa ne pensate? Avete visto il film? Lo consiglieresti ad un amico?
Lasciate un commento.
Un saluto e....alla prossima puntata!! 




Commenti

Post popolari in questo blog

La straniera di Diana Gabaldon #1

*** NO SPOILER ***
Ho appena finito di leggerlo e non vedevo l'ora di condividere con voi questa mia esperienza. Sì perchè penso che io possa parlare di una vera e propria esperienza. Una lettura impegnativa, non per il contenuto ma piuttosto per la mole. La Gabaldon mi ha accompagnato per quasi un mese ed il distacco è stato duro. Sì perchè mi ero affezionata ai personaggi e alle proprie storie, mi ero ambientata nelle Highlands, mi sentivo parte del loro gruppo.
La Straniera della Gabaldon racconta le vicissitudini di due personaggi: Claire e Jamie. Clarie è una donna "contemporanea" che, attraverso un passaggio di pietre segreto e uno strano incantesimo a cui assiste, si ritrova catapultata in un'altra epoca, ovvero nel 1740 circa. Inizialmente sembra non accorgersene o non darci peso, ma poi capisce la "gravità" di ciò che le accaduta e cerca di ritornare al cerchio di pietre, laddove si era ritrovata dopo l'incantesimo. Nel frattempo diventa la cro…

Un sogno tra i fiocchi di neve di Corina Bomann

Anna odia il Natale e con esso l'atmosfera di magia e serenità che si respira solitamente in quel periodo. Infatti, ogni anno decide di evadere dall'eccessiva aria melensa e dal frastuono derivato dalle corse al regalo perfetto o dell'ultimo minuto per raggiungere una qualsiasi località estiva in cui non ci sia aria natalizia. 

Ma quest'anno Anna ha cambiato programma: in seguito a una mail inviatale dal suo fratellino Jonathan e alle insistenze della dolce signora Hallmann, Anna decide di tornare a casa per  trascorrere le feste di Natale con la sua famiglia, e in particolare con Jonathan. Così, prende il treno direzione Berlino ma, sfortunatamente, si addormenta nel treno e si ritrova al capolinea, a Binz. Da qui partono una serie di "sfortune" e piccoli incidenti di percorso che potremmo riassumere con Mai Una Gioia! Incontra vari "angeli" che accorrono in suo aiuto ma tutto sembra un complotto atto a non far tornare Anna a casa! Ovviamente il fin…

Quanti e quali dei 100 libri della BBC ho letto?

Salve a tutti! Oggi ritorno con un post/giochino che sta spopolando su tutti i social e che io volevo proporvi qui, sul mio blog.  Accanto a ogni libro dovete mettere una ✔ se l'avete letto tutto, una ✖🆇 se l'avete cominciato ma non finito e nulla se non l'avete mai letto, così da vedere se superate la media stimata dalla BBC (6/100). Letti: 15
Non terminati: 15
(In lista/da riprendere: 25 ) 1. Orgoglio e Pregiudizio – Jane Austen ✖
2. Il Signore degli Anelli – JRR Tolkien ✖
3. Il Profeta – Kahlil 
4. Harry Potter – JK Rowling 
5. Se questo è un uomo – Primo Levi 
6. La Bibbia   🆇
7. Cime Tempestose– Emily Bronte ✔
8. 1984 – George Orwell 🆇
9. I Promessi Sposi – Alessandro Manzoni 🆇✖
10. La Divina Commedia – Dante Alighieri  🆇
11. Piccole Donne – Louisa M. Alcott ✔
12. Lessico Familiare – Natalia Ginzburg 
13. Comma 22 – Joseph Heller
14. L’opera completa di Shakespeare 🆇✖
15. Il Giardino dei Finzi Contini – Giorgio Bassani ✔
16. Lo Hobbit – JRR Tolkien 
17. Il Nome della Rosa – Umbert…