Passa ai contenuti principali

Il catino di zinco di Margaret Mazzantini

***NON ci sono SPOILER***   


Eccoci alla quarta puntata nel nostro blog dedicato ai libri. Come potete leggere dal titolo stasera mi  dedicherò ad un libro che ho appena finito di leggere. Tengo particolarmente a questo libro perché è stato un regalo per il mio compleanno da parte di un'amica molto speciale. Per questo motivo avevo "fretta" di leggerlo e volevo terminarlo a tutti i costi. La scrittrice penso sia un nome noto ai più: Margaret Mazzantini. Per chi non lo sapesse è il suo primo libro, pubblicato nel 1994.
Non sapevo da dove cominciare con la Mazzantini e poi la mia amica ha scelto per me. Perché non cominciare dall'inizio quindi?
Premetto che non ho letto altro della scrittrice e spero di aver presto la possibilità di leggere altri suoi libri. 

Margaret Mazzantini è nata a Dublino ma all'età di 3 anni si trasferisce a Tivoli (vicino Roma) con la famiglia (il padre era italiano). Si diploma all'Accademia Nazionale di Arte Drammatica ed esordisce come attrice. Nel 1994 fu pubblicato il suo primo libro (il catino di zinco appunto) con cui vinse il premio Opera Prima Rapallo - Carige e il premio Campiello. Forse uno dei suoi libri più famosi e letti è Venuto al mondo, pubblicato nel 2008, vincitore del premio Campiello nel 2009. E' la moglie di Sergio Castellitto ed ha ben 4 figli.


Il catino di zinco si apre con una giovane ragazza che assiste al funerale della nonna. L'introduzione è molto triste e malinconica (non fa mai piacere perdere un parente). Inizia a questo punto un enorme flashback che dura tutto il libro. La nipotina, pian piano ripercorre tutte le fasi della vita della nonna fino al punto di non ritorno e al motivo per cui la bambina assiste al funerale. Curioso è la scelta del titolo: il catino di zinco è citato 2-3 volte all'interno del libro stesso e non sembra avere un vero e proprio nesso con tutta la vicenda narrata. Ciò che più mi ha colpito è il linguaggio utilizzato dalla Mazzantini: è riuscita ad incastrare bene il linguaggio forbito da scrittrice con quello basso e "popolare" (nel senso buono del termine) tipico delle nonne, con tutte gli annessi e i connessi (parolacce, dialettismi, ecc...). Ho davanti a me in questo momento una pagina posta più o meno alla fine del libro in cui c'è un lungo discorso della nonna che parla con la nipote e con la figlia ed è sintatticamente ricostruito in modo tale da riproporre proprio il parlare continuo e logorroico senza freni. E' stato definito uno dei libri poco riusciti della Mazzantini. Purtroppo io non ho ancora termini di paragoni poiché è il primo che leggo della scrittrice e non so realmente come possano essere gli altri libri. Ha uno stile molto scorrevole e piacevole da leggere anche se la trama forse non è delle migliori (in alcuni punti mi sono persa e sono dovuta tornare indietro, ma forse ero io ad essere un po' troppo distratta). Mi sono piaciuti molto i vari aneddoti raccontati dalla nonna che mettevano allegria. Mi sono rivista molto nella protagonista, nella nipotina che cerca di ricostruire la storia della sua nonna. A volte anch'io cerco di fare lo stesso. Sarà che per me è ancora una ferita non del tutto rimarginata. Ma torniamo al libro. Nel complesso è un libro breve, di circa 130 pagine. Su Anobi le ho dato 3(1/2)/5. Spero di leggere presto un altro libro di questa scrittrice. Voi quali titoli mi consigliereste? 





Commenti

Post popolari in questo blog

La straniera di Diana Gabaldon #1

*** NO SPOILER ***
Ho appena finito di leggerlo e non vedevo l'ora di condividere con voi questa mia esperienza. Sì perchè penso che io possa parlare di una vera e propria esperienza. Una lettura impegnativa, non per il contenuto ma piuttosto per la mole. La Gabaldon mi ha accompagnato per quasi un mese ed il distacco è stato duro. Sì perchè mi ero affezionata ai personaggi e alle proprie storie, mi ero ambientata nelle Highlands, mi sentivo parte del loro gruppo.
La Straniera della Gabaldon racconta le vicissitudini di due personaggi: Claire e Jamie. Clarie è una donna "contemporanea" che, attraverso un passaggio di pietre segreto e uno strano incantesimo a cui assiste, si ritrova catapultata in un'altra epoca, ovvero nel 1740 circa. Inizialmente sembra non accorgersene o non darci peso, ma poi capisce la "gravità" di ciò che le accaduta e cerca di ritornare al cerchio di pietre, laddove si era ritrovata dopo l'incantesimo. Nel frattempo diventa la cro…

Incantesimo (#1 The Prodigium Trilogy) di Rachel Hawkins

Salveeee a tuttiiiii e benvenuti in questo nuovissimooo appuntamento libresco!!

Anche oggi mi occuperò del primo libro di una saga che sta spopolando soprattutto tra i giovanissimi. Di cosa sto parlando? The Prodigium Trilogy di Rachel Hawkins e, nello specifico, del primo volume della saga, Incantesimo.

Autore Rachel Hawkins Titolo Incantesimo (#1 The Prodigium Trilogy) Anno pubblicazione 2015 Pagine 254


"Benvenuti nella scuola dove è normale essere speciali Sophie Mercer è una ragazza di sedici anni molto particolare. Da tre anni, infatti, ha scoperto di essere una strega: un potere che ha ereditato dal padre e dalla nonna, ma che non sa ancora gestire. Dopo che il suo primo incantesimo durante il ballo scolastico ha causato dei danni e portato grande scompiglio, la madre ha deciso di spedirla alla Hecate Hall, una scuola per ragazzi “speciali”, i Prodigium, dove eccentrici insegnanti faranno in modo che gli adolescenti imparino a usare i poteri con discrezione e soprattutto lontano…

Un sogno tra i fiocchi di neve di Corina Bomann

Anna odia il Natale e con esso l'atmosfera di magia e serenità che si respira solitamente in quel periodo. Infatti, ogni anno decide di evadere dall'eccessiva aria melensa e dal frastuono derivato dalle corse al regalo perfetto o dell'ultimo minuto per raggiungere una qualsiasi località estiva in cui non ci sia aria natalizia. 

Ma quest'anno Anna ha cambiato programma: in seguito a una mail inviatale dal suo fratellino Jonathan e alle insistenze della dolce signora Hallmann, Anna decide di tornare a casa per  trascorrere le feste di Natale con la sua famiglia, e in particolare con Jonathan. Così, prende il treno direzione Berlino ma, sfortunatamente, si addormenta nel treno e si ritrova al capolinea, a Binz. Da qui partono una serie di "sfortune" e piccoli incidenti di percorso che potremmo riassumere con Mai Una Gioia! Incontra vari "angeli" che accorrono in suo aiuto ma tutto sembra un complotto atto a non far tornare Anna a casa! Ovviamente il fin…