Passa ai contenuti principali

Il commesso di Bernard Malamud

***Non ci sono spoiler***

Bernard Malamud  (1914  - 1986):  E' uno scrittore statunitense di origine ebraica. Figlio di genitori russi emigrati negli USA, la madre del piccolo Bernard muore nel 1929 in un ospedale psichiatrico del Queens. Studiò al City Collge di New York  e la Columbia University, conseguendo in seguito un master in letteratura inglese nel 1942. Nel frattempo, decide di mantenersi con vari lavoretti serali, tra questi lavoretti c'è anche il negoziante (ispirazione per Il commesso?). Nel 1945 sposa Ann de Chiara e si trasferiscono nel Brooklyn e due anni dopo nasce il primo figlio, Paul Francis.
Nel 1950 gli viene proposto un posto da insegnante di grammatica a Corvalis (nell'Oregon State College). Negli anni Cinquanta pubblica diversi racconti su riviste di una certa notorietà. Nel 1954 muore il padre per un attacco di cuore. Nello stesso periodo visita diversi paesi europei, quale anche l'Italia (Roma). Vinse molto premi grazie alle proprie opere letterarie.
Nonostante un intervento al cuore, Malamud muore per un infarto nel 1986. Le sue ceneri sono conservate nel Munt Auburn Cemnetery di Cambridge.  
Opere pubblicate dell'autore

  • The Natural (1952) - Il migliore
  • The Assistant (1957) - Il commesso
  • A new Life (1961) - Una nuova vita
  • The Tenants (1971) - Gli inquilini
  • Dubin's lives (1979) - Le vite di Dubin
  • God's Grace (1982) - Dio mio, grazie
  • The people (1989 - postumo incompleto) - Il popolo


Il commesso è stato pubblicato nel 1957 (beh l'ho detto prima!!) e grazie a quest'opera Malamud vinse svariati premi.
Il romanzo narra la storia della famiglia Bober che non vive un periodo florido: possiede un negozio (una sorta di drogheria) ma gli affari non vanno a gonfie vele a causa del posto solitario e della concorrenza feroce. Il capofamiglia, Morris Bober, inoltre subisce un incidente abbastanza grave (niente spoiler, questo episodio accade nelle prime pagine del libro). La bella figlia di Morris è una giovane costretta ad abbandonare (temporaneamente?) i propri sogni per dedicarsi alla propria famiglia e per guadagnarsi da vivere per sé stessa e per gli altri. L' arrivo di un giovane sconosciuto (in seguito si capirà chi è) rivoluzionerà la vita di questa infelice famigliola, cambiando la vita di tutti i componenti della famiglia.
Lo stile di scrittura di Malamud è nel complesso molto fluido e realistico (anche se decisamente pecca in alcuni punti in cui, a parer mio, è stato fin troppo prolisso). Riesce ad ipnotizzarti ed a farti entrare in punta di piedi nella vita delle persone protagoniste della storia che sta raccontando. Racconta le vicende in modo molto realistico, riesce a trasmettere il vero stato d'animo dei personaggi e riesce a farti percepire l'atmosfera generale del romanzo (il senso di rassegnazione della famiglia per motivi che poi scopriremo piano piano). La storia è triste, non adatta a chi (come me) si rattrista facilmente con i personaggi :D
Unica "Grande" pecca: la conclusione. La conclusione mi ha lasciato con l'amaro in bocca. Per il realismo che pervade tutto il romanzo non mi sarei mai aspettata finale così…spoglio! E' tutto lasciato un po' al caso, o meglio alla nostra immaginazione e non ci fa capire ciò che realmente accadrà (o meglio, un po' si capisce ma mi ha lasciato totalmente insoddisfatta della lettura). Ho letto giorno e notte per concludere il prima possibile la lettura e alla fine non c'è un vero finale!! Grande autore sicuramente, apprezzato da molti lettori e dalla critica, ma a me la conclusione non è piaciuta :D  Nonostante ciò, si è meritato le sue 3 stelline /5

Edizione del Commesso che ho letto



Qualcuno di voi ha letto questo libro? Cosa ne pensate? Lasciatemi pure un commentino qua sotto :D
Baciii!!! :*
Alla prossima puntata!

Commenti

  1. Mai letto niente di Malamud...dovrò rimediare! Complimenti per il blog :)

    RispondiElimina
  2. Ti consiglio di partire da Il commesso anche perché al momento è l'unico che ho letto dell'autore. Ti ringrazio per il complimento anche se il mio blog è ancora un po'...spoglio!!!
    Baciiii e buona giornata =)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La straniera di Diana Gabaldon #1

*** NO SPOILER ***
Ho appena finito di leggerlo e non vedevo l'ora di condividere con voi questa mia esperienza. Sì perchè penso che io possa parlare di una vera e propria esperienza. Una lettura impegnativa, non per il contenuto ma piuttosto per la mole. La Gabaldon mi ha accompagnato per quasi un mese ed il distacco è stato duro. Sì perchè mi ero affezionata ai personaggi e alle proprie storie, mi ero ambientata nelle Highlands, mi sentivo parte del loro gruppo.
La Straniera della Gabaldon racconta le vicissitudini di due personaggi: Claire e Jamie. Clarie è una donna "contemporanea" che, attraverso un passaggio di pietre segreto e uno strano incantesimo a cui assiste, si ritrova catapultata in un'altra epoca, ovvero nel 1740 circa. Inizialmente sembra non accorgersene o non darci peso, ma poi capisce la "gravità" di ciò che le accaduta e cerca di ritornare al cerchio di pietre, laddove si era ritrovata dopo l'incantesimo. Nel frattempo diventa la cro…

Incantesimo (#1 The Prodigium Trilogy) di Rachel Hawkins

Salveeee a tuttiiiii e benvenuti in questo nuovissimooo appuntamento libresco!!

Anche oggi mi occuperò del primo libro di una saga che sta spopolando soprattutto tra i giovanissimi. Di cosa sto parlando? The Prodigium Trilogy di Rachel Hawkins e, nello specifico, del primo volume della saga, Incantesimo.

Autore Rachel Hawkins Titolo Incantesimo (#1 The Prodigium Trilogy) Anno pubblicazione 2015 Pagine 254


"Benvenuti nella scuola dove è normale essere speciali Sophie Mercer è una ragazza di sedici anni molto particolare. Da tre anni, infatti, ha scoperto di essere una strega: un potere che ha ereditato dal padre e dalla nonna, ma che non sa ancora gestire. Dopo che il suo primo incantesimo durante il ballo scolastico ha causato dei danni e portato grande scompiglio, la madre ha deciso di spedirla alla Hecate Hall, una scuola per ragazzi “speciali”, i Prodigium, dove eccentrici insegnanti faranno in modo che gli adolescenti imparino a usare i poteri con discrezione e soprattutto lontano…

Un sogno tra i fiocchi di neve di Corina Bomann

Anna odia il Natale e con esso l'atmosfera di magia e serenità che si respira solitamente in quel periodo. Infatti, ogni anno decide di evadere dall'eccessiva aria melensa e dal frastuono derivato dalle corse al regalo perfetto o dell'ultimo minuto per raggiungere una qualsiasi località estiva in cui non ci sia aria natalizia. 

Ma quest'anno Anna ha cambiato programma: in seguito a una mail inviatale dal suo fratellino Jonathan e alle insistenze della dolce signora Hallmann, Anna decide di tornare a casa per  trascorrere le feste di Natale con la sua famiglia, e in particolare con Jonathan. Così, prende il treno direzione Berlino ma, sfortunatamente, si addormenta nel treno e si ritrova al capolinea, a Binz. Da qui partono una serie di "sfortune" e piccoli incidenti di percorso che potremmo riassumere con Mai Una Gioia! Incontra vari "angeli" che accorrono in suo aiuto ma tutto sembra un complotto atto a non far tornare Anna a casa! Ovviamente il fin…