Passa ai contenuti principali

The Selection Trilogy di Kiera Cass

The selection trilogy

***NON ci sono SPOILER***   


Eccoci alla terza puntata della nostra rubrica dedicata ai libri. Questa volta ci dedicheremo ad una novità editoriale che consiste, come vedrete dal titolo, in una trilogia nuova. L'autrice è la giovanissima Kiera Cass.


Kiera Cass è nata e creciuta nella Carolina del Sud, nata da un padre portoricano e madre bianca. Al liceo era appassionata di danza e teatro e si è persino laureata in Musica e Teatro per inseguire il suo sogno. In seguito ha studiato Comunicazione e Storia. Oggi è moglie a madre.


The selection è stata una trilogia abbastanza discussa: c'è chi ne ha parlato bene e chi ne ha parlato male. E' erroneamente considerato un romanzo dispotico, ma di distopico c'è ben poco (forse il riferimento ad un mondo futuro dove gli stati hanno nomi e conformazioni diversi, ma è ben lungi dall'essere realmente distopico). La storia è interessante anche se in alcuni punti è troppo scontata (alcuni parti potevano essere decisamente tagliate perché a mio parere inutili). La storia, nel complesso, ha la capacità di attrarre il lettore per capire cosa succederà dopo, di come la protagonista, America, tenterà di cavarsi dagli impicci e come il principe Maxon reagisce ad ogni negligenza della ragazza. Lessi i primi due libri durante il mese di maggio e non vedevo l'ora uscisse l'ultimo per capire come finisse la storia. L'ultimo volume è il più sorprendente di tutti. C'è un colpo di scena proprio sul finale, proprio quando tutto sembrava deciso e scontato. Kiera decide di piazzare questo utilissimo e inaspettato colpo di scena che cambia (apparentemente) le sorti e i rapporti di forza della storia e sconvolge qualsiasi lettore (ammettetelo, anche voi siete rimaste senza parole a quella scena). La maestria della Cass sta proprio nella descrizione dell'attimo prima del colpo di scena: descrive l'ambiente e il contesto come se ci trovassimo in un rallenty, mentre leggevo avevo la sensazione di trattenere il respiro, come preludio di un qualcosa di straordinario che sarebbe successo di lì a poco. Un attimo dopo il colpo di scena (non ne parlo perché non mi piace fare spoiler). Credo che questo sia uno dei momenti più belli della trilogia, è stato accuratamente scelto e studiato per far sì che la storia di America e Maxon, si riallacciasse al contesto storico presentato degli altri due volumi (che era stato fin a quel momento solo accennato). Secondo me la trilogia merita di essere portata a termine solo per il terzo volume e, precisamente, per la fine del terzo volume. Ho letto molte recensioni di ragazze che non avevano la minima intenzione di portare a termine la trilogia ma, fidatevi del mio consiglio, non vi pentirete di leggere il terzo volume. Anch'io ero un po' titubante riguardo l'acquisto del terzo volume perché immaginavo come sarebbe andata a finire la storia (in maniera scontata). In realtà è il proprio il terzo volume che mi ha fatto rivalutare l'intera saga e mi ha permesso di dare una valutazione di 4 stelline su 5 nel complesso della storia. Ho conosciuto questa trilogia grazie ad una ragazza che ne parlò su youtube (ne parlò malissimo) ma proprio i difetti descritti da questa ragazza mi spronarono a dare una possibilità a questa trilogia e a cominciare a leggerla. All'inizio non mi ha appassionato più di tanto ma, non so per quale magia, alla fine del primo volume avevo voglia di leggere il secondo ed è per questo motivo che, nel giro di 3 settimane, lessi i due volumi (The selection e The Elite). Per il terzo volume ho dovuto aspettare settembre ma nella mia mente già immaginavo il lieto fine tanto sperato. Non è stato scontato, come ho già detto e ribadito, ma il colpo di scena mi ha letteralmente spiazzato (in positivo intendo).



Un discorso a parte merita la novella della stessa saga The prince. La considero una novella inutile, pubblicata solo per "far stare buoni" i lettori in attesa dell'uscita del secondo volume The Elite. Non fa altro che ripetere cose che sapevamo già e non dà nessuna informazione aggiuntiva o di fondamentale importanza. Un strategia di marketing che ho gradito ben poco sinceramente, un modo per attirare l'attenzione dei lettori che aspettava con ansia l'uscita del secondo volume. So che c'è un'altra novella intervallato tra la pubblicazione del 2 e del 3 volume dal titolo The Guard, ma non credo che lo leggerò anche perché è una novella di circa 50 pagine che non aggiunge informazioni ulteriori e serve solo per spendere soldi. A The Prince ho dato 1 1/2 su 5 perché non mi è piaciuto per niente.




So che a breve dovrebbe iniziare in America la serie tv o il film ispirato a questa trilogia. Sul web cominciano a comparire i primi trailer anche se non so quando sarà prevista l'uscita. Non ci resta che restare con occhi aperti per scoprire nuove news!!! :D


Vi lascio (come sempre) le copertine dei libri che compongono la trilogia e il video-trailer della film.

Alla prossima puntata!!!









Commenti

  1. Una delle poche opinioni positive che ho letto, finalmente un barlume di speranza ahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahh Dagli una possibilità ma non aspettarti sto capolavoro di letteratura. Dagli il giusto peso insomma!
      Grazie mille del commento Vale!
      Un abbraccio :D

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La straniera di Diana Gabaldon #1

*** NO SPOILER ***
Ho appena finito di leggerlo e non vedevo l'ora di condividere con voi questa mia esperienza. Sì perchè penso che io possa parlare di una vera e propria esperienza. Una lettura impegnativa, non per il contenuto ma piuttosto per la mole. La Gabaldon mi ha accompagnato per quasi un mese ed il distacco è stato duro. Sì perchè mi ero affezionata ai personaggi e alle proprie storie, mi ero ambientata nelle Highlands, mi sentivo parte del loro gruppo.
La Straniera della Gabaldon racconta le vicissitudini di due personaggi: Claire e Jamie. Clarie è una donna "contemporanea" che, attraverso un passaggio di pietre segreto e uno strano incantesimo a cui assiste, si ritrova catapultata in un'altra epoca, ovvero nel 1740 circa. Inizialmente sembra non accorgersene o non darci peso, ma poi capisce la "gravità" di ciò che le accaduta e cerca di ritornare al cerchio di pietre, laddove si era ritrovata dopo l'incantesimo. Nel frattempo diventa la cro…

Incantesimo (#1 The Prodigium Trilogy) di Rachel Hawkins

Salveeee a tuttiiiii e benvenuti in questo nuovissimooo appuntamento libresco!!

Anche oggi mi occuperò del primo libro di una saga che sta spopolando soprattutto tra i giovanissimi. Di cosa sto parlando? The Prodigium Trilogy di Rachel Hawkins e, nello specifico, del primo volume della saga, Incantesimo.

Autore Rachel Hawkins Titolo Incantesimo (#1 The Prodigium Trilogy) Anno pubblicazione 2015 Pagine 254


"Benvenuti nella scuola dove è normale essere speciali Sophie Mercer è una ragazza di sedici anni molto particolare. Da tre anni, infatti, ha scoperto di essere una strega: un potere che ha ereditato dal padre e dalla nonna, ma che non sa ancora gestire. Dopo che il suo primo incantesimo durante il ballo scolastico ha causato dei danni e portato grande scompiglio, la madre ha deciso di spedirla alla Hecate Hall, una scuola per ragazzi “speciali”, i Prodigium, dove eccentrici insegnanti faranno in modo che gli adolescenti imparino a usare i poteri con discrezione e soprattutto lontano…

Un sogno tra i fiocchi di neve di Corina Bomann

Anna odia il Natale e con esso l'atmosfera di magia e serenità che si respira solitamente in quel periodo. Infatti, ogni anno decide di evadere dall'eccessiva aria melensa e dal frastuono derivato dalle corse al regalo perfetto o dell'ultimo minuto per raggiungere una qualsiasi località estiva in cui non ci sia aria natalizia. 

Ma quest'anno Anna ha cambiato programma: in seguito a una mail inviatale dal suo fratellino Jonathan e alle insistenze della dolce signora Hallmann, Anna decide di tornare a casa per  trascorrere le feste di Natale con la sua famiglia, e in particolare con Jonathan. Così, prende il treno direzione Berlino ma, sfortunatamente, si addormenta nel treno e si ritrova al capolinea, a Binz. Da qui partono una serie di "sfortune" e piccoli incidenti di percorso che potremmo riassumere con Mai Una Gioia! Incontra vari "angeli" che accorrono in suo aiuto ma tutto sembra un complotto atto a non far tornare Anna a casa! Ovviamente il fin…